Gamba Osaka: L’Atalanta del Sol Levante

  •  
  •  
  •  
  •  


C’è una squadra in Giappone che ha deciso di copiare in tutto e per tutto la squadra bergamasca. Si tratta del Gamba Osaka, una delle più importanti società calcistiche del Sol Levante.

We are the Osaka!

Il “made in Italy” va molto forte in Oriente, dove non è insolito trovare riproduzioni più o meno fedeli di materiali e oggetti prodotti nel Belpaese. Questa volta, però, non stiamo parlando di un capo d’abbigliamento o di una borsa, bensì di un’intera squadra, con tifoseria annessa.
Eh sì, infatti, il Gamba Osaka ha un’ammirazione sconfinata per l’Atalanta ed i suoi tifosi, tanto da aver riproposto con cura maniacale, non soltanto gli stendardi e i colori sociali nero e azzurro con tanto di bianco per la trasferta, ma anche ogni aspetto caratterizzante della tifoseria bergamasca.
Partendo dal nome della tifoseria “Brigate neroazzurre Osaka 1999”, scritto rigorosamente in italiano e richiamante proprio il nome dello storico gruppo di ultras bergamaschi, passando poi per il nome della curva, la “Curva Nord Osaka” e per arrivare infine ai cori (Coro italiano dei tifosi del Gamba), la cui musica e i cui testi sono perfettamente identici a quelli cantati dai supporters della Dea.
Durante i canti, rigorosamente in italiano, si potrà sentire ogni tanto qualche parolina in giapponese a sostituzione delle parole in dialetto bergamasco. Dopotutto sarebbe stato troppo da chiedere a questi geniali tifosi, anche se, ci scommetterei, stanno solo cercando di impararlo al meglio prima di riprodurlo nell’Osaka Expo ’70 Stadium.

Brigate neroazzurre Osaka 1999

Se tutto ciò non vi avesse ancora convinto, vi basterà comparare le sciarpe delle due squadre per accorgervi che invece del profilo stilizzato di Città Alta presente sulle sciarpe originali, troverete la skyline della città di Osaka, disegnato con il medesimo stile.
Forse unica piccola differenza che si può trovare tra le due squadre è rappresentata dal simbolo sociale: per la squadra di Bergamo la Dea Atalanta, mentre per il Gamba Osaka il Gamba Boy, comunque anch’esso una divinità, però al maschile.
Squadra fondata nel 1980 dalla multinazionale giapponese proprietaria della Panasonic, ha come fiore all’occhiello del suo palmares, oltre a 3 J League, 3 Coppe dell’Imperatore, 1 Supercoppa Xerox e 2 Coppe J League, una Champions League asiatica vinta nel 2008.
Trofeo che le valse la partecipazione al Mondiale per Club dove venne affrontata e sconfitta in semifinale dal più quotato Manchester United, senza però arrendersi, proprio come vuole uno dei dettami principali del tifo di Bergamo. La partita finì, infatti, con un rocambolico 5-3 a favore dei Red Devils (Highlights Gamba Osaka – Manchester United).
Doppio vantaggio United con gol nel primo tempo di Vidic e Cristiano Ronaldo, al 74’ accorcia le distanze il Gamba con Yamazaki, prima di subire tre gol in 4 minuti con la doppietta di Rooney ed il gol di Fletcher. Nel finale spazio per i gol di Endo e Hashimoto a chiudere il sogno della finale.
Fu proprio in quell’occasione che, qualche tifoso davanti alla tv, guardando la partita, credette forse di sognare o di essere impazzito nel vedere l’Atalanta sfidare lo United per l’accesso alla finale del Mondiale per Club.

Cr7 saluta Endo del Gamba Osaka al termine della semifinale di Mondiale per Club

La competizione vide, poi, il Gamba affrontare nella finale valida per il terzo posto i messicani del Pachuca. I giapponesi riuscirono ad imporsi per 1-0 grazie al gol al 29’ di Yamazaki e a salire sul podio.
Ora che la loro curiosa clonazione è ormai sotto gli occhi di tutti, non pochi, soprattutto tra i tifosi atalantini auspicano in un gemellaggio tra le due squadre, per accrescere ancora di più, se possibile, questo legame indissolubile tra l’Atalanta ed il Gamba Osaka.
Nel frattempo non possiamo che augurare grande fortuna a questa squadra e ai suoi simpatici tifosi e, come direbbero a Bergamo: “Adèss Adòss Gamba”.

 

Daniele Bondanese

 

N.B. Questo articolo ti è piaciuto? Seguici sulla nostra pagina Facebook “It Must Be Sport” per non perdere nemmeno uno dei nostri articoli e rimanere costantemente e gratuitamente aggiornato 24 ore su 24 su tutto quello che succede nel mondo dello sport!



  •  
  •  
  •  
  •  

About author View all posts Autor website

Daniele Bondanese

Daniele Bondanese

20 anni, sono uno studente di psicologia con una profonda passione per il calcio in tutti i suoi aspetti. Seguo con particolare attenzione i giovani talenti emergenti nei principali campionati europei. Forte interesse per tutta la serie A e B ed il Foggia Calcio per la Lega Pro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.